Gianduiotti

Mangiai il mio primo gianduiotto a 5 anni.
Mi sorprese. Mi affascinò.
Fu per anni il gusto che quasi ossessivamente ricercai in ogni dolce:  dal bignè alla nocciola, alla crema spalmabile.
Per anni condizionò “la mia visone” del gusto. Alla ricerca di un sapore che lo eguagliasse.
Alla ricerca di una consistenza così morbida, avvolgente, che lentamente esplode, abbraccia, svanisce lasciando però una lieve traccia. Degustazione di qualcosa di indescrivibile.
Cioccolato e nocciole. Un successo che negli anni ha mantenuto l’apice tra i connubi perfetti. Imprescindibile. Indiscutibile. Appassionante.
Oggi li celebro. Celebro i gianduiotti fatti in casa. Sono veloci. Sono infallibili.
Sono una magia di soli due ingredienti. Due passaggi.
Il profumo che inebria, mentre si cola il cioccolato negli stampi, è uno dei motivi che dovrebbero spingere a crearli.
La soddisfazione all’assaggio, motivo ulteriore.
Ancora colpo di fulmine, come allora.
Poterli confezionare e regalare come dono natalizio home made e constatare quella sorta di incredulità sui volti è decisamente, profondamente appagante.
Merry Christmas …

FARE I GIANDUIOTTI:
( per circa 24 cioccolatini )

– 277 gr di cioccolato al latte al 33% di cacao
– 180 gr di pasta di nocciole pura

– un termometro per alimenti

Tritare al coltello il cioccolato. Mettere 177 gr in una ciotola adatta al microonde, tenere da parte i restanti 100 gr. Mescolare bene la pasta di nocciole per renderla perfettamente uniforme e liscia.
Accendere il microonde per 1 minuto a 900 watt. Mescolare con una spatola in silicone e ripassare ancora il cioccolato per altri 40 secondi alla stessa temperatura. Mescolare ancora e verificare la temperatura, dovrebbe essere intorno ai 42°. Aggiungere il resto del cioccolato tenuto da parte. Mescolare fino a quando sarà perfettamente sciolto. Misurare ancora la temperatura, dovrebbe essere intono ai 30°, se così non fosse, mescolare ogni tanto, controllando la temperatura. Una volta raggiunti i gradi indispensabili, aggiungere la pasta di nocciola e amalgamare perfettamente.
Misurare la temperatura per l’ultima volta, mescolando ancora ogni tanto ( ci vorrà qualche minuto ), fino a quando la temperatura sarà scesa a 25°. Questa è la temperatura ideale per colare il cioccolato nello stampo. Colare nello stampo, passare, non più di una/due volte, una spatola piatta in acciaio, in un gesto unico e deciso, inclinandola leggermente, per lisciare e “pulire” la superficie. Sbattere lo stampo sul tavolo per eliminare eventuali bolle d’aria.
Mettere in frigo a rassodare per almeno 3/4 ore.
Per sformarli, capovolgere lo stampo su un foglio di carta forno, sbattendolo leggermente.

 

8 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *